Congressi di Circolo ad Asti

 

Congresso di circoloIl Partito della Rifondazione Comunista si appresta ad affrontare il IX congresso nazionale. Come primo passo verso l’appuntamento nazionale che si terrà nelle date del 6 – 7 – 8/12/2013 a Perugia, il partito è tenuto ad affrontare i congressi di circolo e successivamente quelli federali.

Per quanto riguarda il congresso di circolo “Camilla Ravera” di Asti, questo si terrà DOMENICA 3 NOVEMBRE presso la “CASA DEL POPOLO – Santa Libera” di Asti (Via Brofferio, 129). Ai compagni del circolo, si uniranno i compagni del circolo “fabbriche” e quelli del circolo del Monferrato.

Durante l’assemblea, che avrà inizio alle ore 10,30, si voteranno i Documenti nazionali, si approveranno i contributi di natura locale, si rinnoveranno gli organismi direttivi dei circoli convocati a Congresso e si comporrà la lista dei delegati per il congresso federale (in occasione del quale manderemo inviti agli organi di informazione e alle organizzazioni politiche, sindacali e associazionistiche di Asti) che sarà fissato a fine novembre.

Il circolo PRC Vinchio – Val Tiglione andrà a Congresso domenica 10 novembre.

Alla luce dei recenti avvenimenti che hanno scosso giustamente l’opinione pubblica locale e che hanno visibilmente animato la vita interna del Partito Democratico di Asti e che similmente l’anno scorso contraddistinsero il congresso del PDL con proporzioni ancora maggiori anche se più sottaciute, ci teniamo a ribadire che il nostro Congresso sarà un Congresso vero, nel quale si parlerà di politica e di società, di uscita dalla crisi e di problemi della gente. Da noi sono e saranno completamente estranei episodi di tesseramenti fatti in fretta e furia nelle ultime ore, di dirigenti che si rincorrono con pacchetti di tessere, di sconvolgenti annunci di irregolarità.

E alla facile ironia che potrebbe essere fatta dicendo che naturalmente noi siamo un Partito molto più piccolo e misero del PD rispondiamo dicendo che la nostra Federazione Provinciale va a questo congresso con all’attivo poco meno di 150 tessere, un numero in crescita significativa e un numero che si attesta grosso modo ad un livello del tutto paragonabile con il tesseramento del PD di Asti al giorno venerdì 25 ottobre, cioè prima delle 36 ore di “cammellaggio” spietato, di tesseramenti viziati e quant’altro, prima delle circa 15 tessere fatte all’ora considerando anche le ore notturne. (come abbiamo letto dai giornali tra sabato e domenica sono state fatte oltre 500 tessere di cui 341 nella sola giornata di domenica)

Nicolò Ollino – segretario provinciale PRC

Stefano Bego – Presidente commissione congressuale PRC

Lascia un commento

1 thought on “Congressi di Circolo ad Asti”

  1. Lo squallido modo di fare congressi dei partitti di “potere” legati in vari modi a lobby che da almeno 60 anni hanno portato il nostro paese allo sfascio e al 13% di disoccupazione, e altri milioni di giovani con un lavoro precario e senza futuro, perchè la professionalità non viene valorizzata è l’esempio di come questi partitti Pdl e Pd sono lontani dalla realtà. In questi congressi di cosa discutono? Hanno un programma per affrontare la disoccupazione, sanno che il nostro paese è sempre più precario nella sua struttura idro-geologica, che il clima sta cambianto al punto che vari territori del meridione stanno desertificando. Dove pensano di investire risorse. Nei loro poveri programmi afferamano generici investimenti per le grandi opere senza sapere se esse servono o sono solo il modo per far guadagnare i soliti noti loro padroni (inpregilo e Debenedetti Colannino ecc). Sanno che “imprenditori” come Debenedetti hanno portato l’eletronica italiana allo fine vedi Olivetti e Colannino ha ridotto alla sopravvivensa il sistema delle telecomunicazioni? Comtinuare a perseverare le politiche di costoro significa distruggere quel poco di industria rimasta. Il congresso dei comunisti deve saper ragionare sui problemi dell’umanità, dei lavoratori e proporre soluzioni possibili senza dipendere dai condizionamenti dei poteri “forti”. La politica è passione dedizione Pdl e Pd la fanno odiare perchè usano l’attività nelle istituzioni per fare affari e far fare affari. Sono congressi farsa usati come strumenti di propaganda. Le decisioni non vengono prese nei loro congressi ma gruppi ristretti decidono le scelte dei partiti. Giancarlo

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On YoutubeCheck Our Feed