Regionali 2014. Gian Emilio Varni candidato

VarniGIAN EMILIO VARNI. “Rappresento l’altro Piemonte, quello che viaggia ostinato e contrario”. Non e’ facile descriverlo in poche parole ma quando una vita è spesa districandosi tra 2 culture che per lunghi tratti della storia sono state antitetiche, per chi lo ha fatto senza venir meno a bislacchi compromessi, la sintesi è immediata. Per Emilio Varni come per moltissimi cattolici in questo paese la ricerca di un equilibrio è coincisa con l’appassionato lavoro a favore degli ultimi e dei sofferenti. Nato a Bogliasco Pieve in provincia di Genova nel maggio del 1946. Dopo aver conseguito la laurea in medicina con la votazione di 110 e lode, ha terminato un corso di specializzazione negli USA grazie ad una borsa di studio, prima di trasferirsi ad Asti dove dal 1972, ha lavorato come medico per 24 anni presso l’ospedale cittadino nel reparto di chirurgia. Ritiratosi in pensione, nel 1996, si è diviso tra l’attività ambulatoriale e il volontariato nel terzo mondo. Quest’anno, attraverso una onlus, ha contribuito come responsabile alla realizzazione della sala radiologica presso l’ospedale di Ibadan in Nigeria. Da molti anni è impegnato in politica nel partito della Rifondazione comunista di cui è membro della segreteria provinciale ed è stato consigliere comunale nel capoluogo astigiano dal 2002 al 2007. Pacifista e non violento è stato obiettore di coscienza negli anni 70 quando il servizio civile era di 24 mesi. Tra i primi in Italia a prendere posizione quando la “Bossi/Fini” che costrinse i medici a denunciare i pazienti extracomunitari irregolari, praticando la disobbedienza attiva. Ha continuato a fare il medico senza controllare il passaporto e il visto di chi bussava alle porte del suo ambulatorio. Il disastro della giunta Cota nella sanità e’ evidente. Occorre una decisa inversione di rotta. L’assistenza sanitaria oltre che ad essere gratuita deve essere rilanciata e tendere ad un continuo miglioramento attraverso innovazione e ricerca. La spesa sanitaria si riduce se sui territori si investe in prevenzione per questo non serve chiudere presidi ed ospedali. Poche idee, semplici e di facile attuazione perchè guidate dal buon senso di chi la sofferenza e il bisogno la contrasta tutti i giorni.

Come Don Lorenzo Milani, Gian Emilio Varni, pensa che se si cerca di risolvere i problemi da soli e’ egoismo mentre se si cerca di farlo con altri e’ politica. La politica quella vera riparte, il 25 maggio 2014, votando Gian Emilio Varni nella lista “L’altro Piemonte a Sinistra”.

 

Seguilo su Facebook
Seguilo su Facebook

Lascia un commento

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On YoutubeCheck Our Feed